La fuga dall’Ucraina va in scena alla Castiglia

La fuga dall’Ucraina va in scena alla Castiglia
Pubblicato:
Aggiornato:

Mentre prosegue l’azione di accoglienza degli sfollati dall’Ucraina, e l’impegno della Caritas con la raccolta fondi a sostegno dell’ospitalità, le immagini di chi ha vissuto le conseguenze dell’aggressione della Russia all’Ucraina arrivano in Castiglia, grazie ad una rassegna promossa dalla Fondazione dell’Istituto Garuzzo per le Arti Visive. Fino
al 9 maggio è aperta al pubblico una doppia mostra, organizzata “a sorpresa” dal titolo “Da l l’Ucraina: in fuga”
per raccontare il dramma e l’attualità della guerra.
Le fotografie del reportage di Salvatore Laporta “La casa nella valigia” portano nelle stazioni ferroviarie polacche
di frontiera (Rzeszow Glowny, Prezemysl, Medika, Kroscienko Smolnica) con una breve incursione in
Ucraina per raggiungere altri punti di fuga. Alla tragedia dei profughi si unisce la testimonianza attraverso il video del lavoro della fotografa Sophie Anne Herin dal titolo “Viktor ia” datato 2014, l’anno in cui iniziarono le
ostilità tra Ucraina e Russia nei contesi territori del Donbass e della Crimea.

Notizia completa in edicola.

Archivio notizie
Aprile 2024
L M M G V S D
1234567
891011121314
15161718192021
22232425262728
2930