castiglia a saluzzo

Si lavora al “Polo del ’900” e per la sede espositiva del Pittara

Nuova sede espositiva alla Castiglia per il Pittara

Si lavora al “Polo del ’900” e per la sede espositiva del Pittara
Pubblicato:

Procedono i lavori per la ristrutturazione della Castiglia. Due i cantieri in corso: nell’ex cappella del castello è alle fasi conclusive la realizzazione dell’area espositivia destinata ad ospitare la tela “La fiera di Saluzzo” del Pittara, che lascerà la Ga, probabilmente ad inizio estate, per essere esposta in maniera permanente nella nuova sede della Castiglia.

Entrano nel vivo anche i lavori per trasformare quello che era l’orientation, cioè lo spazio destinato alla scoperta dell’evoluzone della Castiglia nel corso dei secoli, nel nuovo spazio espositivo e centro culturale «Saluzzo ’900». Il Comune ha stanziato 120 mila euro per trasformare i locali dell’ex Orientation, ora ammodernato e trasferito al piano terra, accanto alla biglietteria, in un’area che sarà dedicata ad esposizioni multimediali temporanee.

«L’idea - aveva spiegato l’assessore Andrea Momberto - è di valorizzare un periodo storico relativamente vicino al presente e di cui conserviamo abbondanza di documenti nell’archivio storico della città, ma che può essere raccontato da ogni saluzzese attraverso testimonianze, oggetti e ricordi conservati in famiglia. L’obiettivo è riuscire ad allestire, in forma multimediale, un paio di mostre temporanee ogni anno, per raccontare momenti chiave del Novecento, tradizioni o aspetti quotidiani della vita cittadina, curiosità, personaggi e aziende».

L’archivio storico comunale è ospitato da diversi anni proprio in Castiglia. È ricco di documenti, ma dispone di pochi spazi espositivi. Presto potrà usufruire della nuova area per proporre mostre temporanee. Il Comune ha affidato alla Fondazione Fitzcarraldo di Torino il compito di strutturare gli ambienti.

Il «Polo ‘900» sarà distribuito in sei sale: tre espositive per 69 metri quadrati complessivi (compresa la sala circolare del torrione), un’aula didattica e due sale per uffici e archivi.

Le installazioni saranno soprattutto multimediali. Spiega ancora Momberto: «Realizzare una mostra multimediale ci consente di digitalizzare il materiale e archiviarlo, lasciando però gli originali in archivio o in proprietà alle famiglie. Vorremmo ideare degli allestimenti tematici, che potrebbero per esempio essere la Grande guerra, il Carnevale, lo sport a Saluzzo. Oltre al materiale che abbiamo in archivio, coinvolgeremo i saluzzesi affinché siano parte della storia. Gli spazi potrebbero essere pronti entro l’estate».

Il Comune si potrà avvalere anche della collaborazione di alcune realtà che hanno già avviato iniziative di raccolta delle testimonianze del Novecento come la Fondazione Cassa di Risparmio di Saluzzo che negli ultimi anni ha promosso un progetto di conservazione della memoria del ‘900 saluzzese.

Questo e molto altro sulla Gazzetta di Saluzzo in edicola e in digitale

Archivio notizie
Luglio 2024
L M M G V S D
1234567
891011121314
15161718192021
22232425262728
293031