Cinquanta contagi in casa di riposo

Cinquanta contagi in casa di riposo
Pubblicato:
Aggiornato:

Oltre cinquanta casi di positività al coronavirus all’interno della casa di riposo San Giorgio di Cavallermaggiore. Il focolaio è divampato improvvisamente la scorsa settimana, confermando la pericolosità e la facilità di propagazione del virus.

La casa di riposo di Cavallermaggiore è una delle strutture più grandi del territorio. Al suo interno, recentemente ristrutturato e ampliato, sono ospitati circa 100 anziani. Il personale, tra infermieri, Oss e impiegati, è costituito da circa 60 persone.

Una decina di giorni fa è emerso che un’anziana ospite della casa di riposo, ricoverata in ospedale per l’aggravarsi delle sue condizioni di salute, è risultata positiva al Covid-19. Una notizia che ha immediatamente fatto scattare l’allarme nella struttura, dove da circa un mese, come nelle altre residenze per anziani, erano entrate in vigore le strettissime norme di comportamento per il contenimento del virus.

Due giorni dopo, un secondo ospite, anch’esso ricoverato in ospedale per una serie di complicazioni, non direttamente correlate al coronavirus, è risultato positivo.

Le autorità sanitarie hanno così disposto 95 tamponi, all’intera sezione della casa di riposo da cui provenivano i due ospiti, e al personale della San Giorgio.

I risultati sono allarmanti e confermano la diffusione del focolaio tra le camere e i corridoi della struttura: 43 gli ospiti positivi al virus, cui si sommano 15 contagi tra il personale (10 Oss e 5 infermiere). La maggior parte degli ospiti contagiati non mostra, ad ora, particolari sintomi della malattia.

La prima emergenza da fronteggiare è stata quella del personale (i contagiati sono stati posti in quarantena). L’Asl ha destinato per ora due nuovi infermieri. Con l’aiuto degli alpini del paese, della Croce Rossa di Racconigi e del personale della mensa scolastica, in poche ore sono stati ricavati nuovi spazi nella foresteria e aree per ospitare il personale operativo che, per motivi di sicurezza, preferisce non rientrare a casa. La residenza ha inoltre bisogno di bombole di ossigeno.

«Ci troviamo in ogni caso di fronte ad momento difficile - conclude il sindaco -. La nostra comunità sta producendo il massimo sforzo possibile per aiutare la struttura».

Archivio notizie
Luglio 2024
L M M G V S D
1234567
891011121314
15161718192021
22232425262728
293031