Tutti pazzi per l’Agnellotreffen La kermesse fa volare il turismo superata quota duemila iscritti, con una forte crescita di biker stranieri

Tutti pazzi per l’Agnellotreffen La kermesse fa volare il turismo superata quota duemila iscritti, con una forte crescita di biker stranieri
Pubblicato:
Aggiornato:

Tutti pazzi per l’Agnellotreffen. Sono numeri in crescita quelli che gli organizzatori presentano a conclusione della settima edizione del motoraduno andato in scena in alta valle Varaita nel weekend. I 1800 iscritti del 2019 sono diventati oltre duemila, con un dato interessante che riguarda il forte aumento dei partecipanti dall’estero.

«Portare più biker dai paesi europei era il nostro obiettivo - spiegano i promotori di Moto Raid Experience - e i risultati ci danno ragione. Abbiamo registrato presenze da Francia, Germania, Austria ma anche da nazioni più distanti come Spagna, Portogallo e Regno Unito».

Per Manuel Podetti (saluzzese), Rino Fissore (di Bra) e Claudio Giacosa (savonese di Bergeggi), i tre moschettieri in cabina di regia, la soddisfazione è tanta anche per l’ottima organizzazione e l’accoglienza, grazie alla collaborazione con i comuni di Pontechianale e Casteldelfino e le associazioni.

Insomma, il treffen più alto d’Italia, partito per scommessa sette anni fa, sta imponendosi come manifestazione di grande richiamo turistico, con una ricaduta economica significativa per tutto il sistema ricettivo valligiano e saluzzese.

Archivio notizie
Aprile 2024
L M M G V S D
1234567
891011121314
15161718192021
22232425262728
2930