Uscire dall’ambiguità

Uscire dall’ambiguità
Pubblicato:
Aggiornato:

E’ un atto politico che la maggioranza di centrosinistra che amministra la città da 17 anni finora non ha voluto affrontare, ma che, alla luce delle considerazioni espresse in Sinagoga dal sindaco, potrebbe tornare d’attualità. Calderoni ha infatti detto chiaramente che occorre uscire dall’ambiguità rispetto al ripetersi di episodi di antisemitismo che, a partire dal caso di Mondovì, si stanno riproponendo con crescente intensità in Piemonte. Il sindaco ha auspicato gesti di condanna inequivocabili.

Secondo i dati riportati dall’Eurispes, l’ente che si occupa di studi politici, economici e sociali, il 15,6% degli italiani è convinto che la Shoah, lo sterminio di 6 milioni di ebrei e di razze considerate dai nazisti inferiori, non è mai avvenuto. Il dato è allarmante perché nel Rapporto Italia 2004 la percentuale si fermava al 2,7%.

La ricerca mette in evidenza anche un altro dato che riguarda la figura controversa di Mussolini. Secondo il 19,8% degli italiani, in fondo, il Duce avrebbe solo sbagliato qualche intervento politico e di strategia geopolitica, ma per il resto sarebbe stato addirittura un grande leader.

Così affermando si dimenticano le leggi “fascistissime” che, tra il 1925 e il 1926, soppressero la libertà politica, ammutolirono la stampa, la libertà di opinione, sciolsero i sindacati socialisti e quelli cattolici. E chi si opponeva veniva perseguitato, incarcerato o destinato al confino. A ciò si aggiungano le leggi razziali e la sciagurata scelta bellica che proprio in questi giorni viene rivissuta nel ricordo della tragica ritirata di Russia, che costò la vita a migliaia di alpini delle nostre terre.

Archivio notizie
Maggio 2024
L M M G V S D
 12345
6789101112
13141516171819
20212223242526
2728293031