musica occitana

Il “Novecento” dei Lou Tapage

La band occitana presenta il settimo album

Il “Novecento” dei Lou Tapage
Pubblicato:
Aggiornato:

“Novecento” è il nuovo album dei Lou Tapage, sestetto saluzzese e varaitino che fonde la tradizione nata dalla musica popolare e dai balli occitani col cantautorato italo-francese e il folk rock, sperimentando registri e lingue diversi, per raccontare storie.

Che arrivino da un territorio di frontiera come l’Occitania, è chiaro sin dall’apertura dell’album. Da momenti più riflessivi ad altri dal ritmo più incalzante, nel disco c’è spazio per archi e pianoforte, per chitarre distorte e incursioni elettroniche, per la celebrazione di ogni forma di ballo.

È possibile abitare questi anni Venti con un disco che si intitola “Novecento” e che dal secolo scorso prende buona parte dell’ispirazione musicale? Per i Lou Tapage la risposta è sì: vivere il presente, senza dimenticare la storia, e quello da cui si arriva. Una risposta condensata nel nuovo album uscito venerdì scorso.

La band, composta da Sergio Pozzi, Chiara Cesano, Dario Littera, Marco Barbero, Nicolò Cavallo e Daniele Caraglio, fa musica da vent’anni ed è al settimo album.

Testi e musica in “Novecento” invitano a riflettere, ma anche a ballare.

“Novecento” si apre con un brano folk rock in francese, arricchito dal prezioso intervento di Gari Greu “poeta” dello storico gruppo Massilia Sound System.

La lingua occitana, intrecciata a quella persiana del cantautore Afshin Khas, l’italiano e le chitarre elettriche, ballate oniriche e ninne nanne si susseguono per arrivare a “Vento in Tasca”, brano strumentale che chiude il disco. Un viaggio di dieci canzoni, un tuffo nel passato per riprendersi e reinterpretare il presente.

Questo e molto altro sulla Gazzetta in Edicola

Archivio notizie
Luglio 2024
L M M G V S D
1234567
891011121314
15161718192021
22232425262728
293031