Quando la storia tocca il cuore e la mente

Pubblicato:
Aggiornato:

Buon 2020 cari lettori! Anche quest’anno la libreria Booklet vi accompagnerà mensilmente nella scoperta di un libro. Gennaio è anche e soprattutto il mese del ricordo della Shoah, che non deve essere cancellato dalla memoria collettiva. Legato a questo anniversario vogliamo proporvi un titolo che si occupa di una parte meno conosciuta ma d’impatto emotivo uguale.

Il testo è “Avevano Spento Anche la Luna”, di Ruta Sepetys, editore Garzanti. Lina, la protagonista, ha appena compiuto quindici anni quando la sua vita cambia drasticamente. È il 14 giugno del 1941 quando la polizia sovietica irrompe con violenza in casa sua, in Lituania. Lina, figlia del rettore dell'università, è sulla lista nera, insieme a molti altri scrittori, professori, dottori e alle loro famiglie. Esse sono colpevoli di un solo reato, quello di esistere. Lei verrà deportata, insieme alla madre e al fratellino, e viene ammassata con centinaia di persone su un treno, iniziando così un viaggio senza ritorno tra le steppe russe fino all'arrivo in Siberia, in un campo di lavoro. A Lina però non possono togliere la sua dignità, la sua forza, la luce nei suoi occhi e il suo coraggio. Ella si batte per la propria vita, decisa a non consegnare la sua paura alle guardie, giurando che, se riuscirà a sopravvivere, onorerà per mezzo dell'arte e della scrittura la sua vita intera.

Ispirato a una storia vera,  il libro  spezza il silenzio su uno dei più terribili genocidi della storia, le deportazioni dai paesi baltici nei gulag staliniani. L'attenzione in questo caso va dagli ebrei ai lituani, fino ai popoli dei paesi baltici, rivelando un contesto lacerante e doloroso, che ridà spessore a una triste pagina del passato, spesso dimenticata e passata sotto silenzio. La drammaticità del racconto però è mitigata grazie alle tante scene di umanità che l’autrice descrive: il sostegno reciproco, per affrontare al meglio la tragedia, l'amore, l'amicizia e la speranza. Una storia che aiuta a non dimenticare, ma che sottolinea anche i valori positivi della vita, in un contesto veramente duro e a volte accantonato. Ruta Sepetys conduce il lettore in un lungo viaggio che mostra gli orrori della guerra, della deportazione e della discriminazione razziale, con un tocco di umanità e cuore.

Archivio notizie
Maggio 2024
L M M G V S D
 12345
6789101112
13141516171819
20212223242526
2728293031