speciale giardini in fiore

Il giardino ecosostenibile consuma meno acqua

Occhio al sistema di irrigazione: va progettato con grande attenzione

Il giardino ecosostenibile consuma meno acqua
Pubblicato:

Mai come in questi ultimi mesi si sente forte la spinta verso un nuovo modo di vivere. Cambiare il proprio stile di vita verso abitudini più sostenibili non è più uno sfizio per pochi, ma un obbligo morale per tutti, oltre che, se ben progettato, uno spazio che offre relax con un notevole risparmio e un’importante riduzione degli sprechi.

Anche nel giardino dunque, luogo deputato al nostro rapporto esclusivo e personale con la natura, creare spazi sostenibili diventa un’esigenza non solo per il pianeta, ma anche per godere a lungo e senza sprechi di uno spazio verde.

Una delle risorse principali che vanno salvaguardate - dopo estati, autunni e anche inverni così siccitosi e una prospettiva ancora meno piovosa per i prossimi anni - è proprio l’acqua. Un giardino sostenibile utilizza come principale fonte di approvvigionamento idrico proprio l’acqua piovana, raccolta in cisterne o taniche. Per questo il sistema di irrigazione deve essere progettato con grande attenzione.

Il giardino sostenibile inoltre è una soluzione perfetta per chi vuole godere di un giardino rigoglioso senza dedicargli troppo tempo. Un giardino sostenibile sarà sempre in ordine e in salute senza forzare i ritmi della natura e delle stagioni e tanto meno le caratteristiche del territorio in cui è inserito.

Quindi: poca acqua, risparmio energetico e adattamento al clima e ai tempi della natura. I tipi di piante più adatte per vivere in un giardino sostenibile, sono quelli che producono tanti frutti e che non richiedono né cure particolari né molta acqua.

SCELTA DELLE PIANTE

La scelta delle specie che richiedono poca acqua deve tenere conto anche delle temperature, in particolare di quelle invernali. Infatti solitamente le piante che richiedono poca acqua vivono, in natura, in luoghi caratterizzati da basse precipitazioni, ma sovente anche da alte temperature. Per cui occorre orientare le scelte su piante che possano vivere in inverno nei luoghi in cui si situa il giardino, senza dovere ricorrere a ripararle in serra durante la stagione fredda. Alcune idee.

Cactacee e succulente: sono le piante alle quali serve meno acqua e di conseguenza meno attenzione. Negli “arid gardens” spesso le piante sono assai distanziate fra loro, simulando quanto avviene in natura. Lo scopo è di evitare la competizione per l’umidità nel suolo. Queste piante soffrono però il freddo inverno dell’Italia settentrionale.

Arbusti a risparmio idrico senza rinunciare ai fiori: i più belli sono sicuramente gli oleandri e le bouganville, ma anche ginestre, lavande e santoline prosperano sui terreni più aridi, pur offrendo una splendida fioritura per tutto il periodo primavera-estate senza soffrire durante l’inverno.

Questo e molto altro sullo speciale giardinaggio della Gazzetta di Saluzzo

Archivio notizie
Luglio 2024
L M M G V S D
1234567
891011121314
15161718192021
22232425262728
293031