speciale carnevale di Saluzzo

Dal 2 al 4 febbraio un weekend ricco di coriandoli e divertimento

Il Carnevale a Saluzzo si aprirà questo weekend insieme al carnevale di Barge. Sarà un tripudio di coriandoli, felcità e balli

Dal 2 al 4 febbraio un weekend ricco di coriandoli e divertimento
Pubblicato:
Aggiornato:

Somenica 4 febbraio, dalle 14, nel centro di Saluzzo, sono attese migliaia di persone per via della grande sfilata dei carri e delle maschere del 96° Carnevale Città di Saluzzo – 6° “Carnevale delle 2 Province” (9° Carnevale di Barge – 7° Carnevale degli Oratori Saluzzo), tra i più antichi e tradizionali dell’intero territorio piemontese come dimostra il titolo di “Carnevale storico” riconosciuto dal Mibact.

La parata saluzzese, compreso il divertimento e la festosita dei 12 carri e centinaia di figuranti, sarà preceduta dagli eventi del 9° Carnevale di Barge, che aprirà il programma del week-end: l'inizio è atteso per venerdì 2 febbraio alle 20, presso l’ala comunale di Barge, ci sarà l’investitura di Gian e Gina di Barge, mentre sabato 3 febbraio alle 16, sempre sotto l’ala, si terrà il ballo dei bambini, “antipasto” della grande sfilata notturna dei carri, al via dalle 20 da viale Mazzini.

Per maggiori informazioni sugli appuntamenti è possibile contattare la Fondazione Amleto Bertoni, organizzatrice del Carnevale di Saluzzo, all’indirizzo e-mail info@fondazionebertoni.it.

“Il Carnevale è una manifestazione impegnativa e dispendiosa di energie dal punto di vista organizzativo, ma in grado di regalare alla città giorni di allegria e spensieratezza – spiega Romano Boglio, segretario generale della Fondazione Amleto Bertoni -. La festa ruota attorno ad un mondo costituito completamente da volontari che si fanno coinvolgere ed appassionare dal buonumore, dalla felicità e dalla goliardia che gravita attorno ad essa. Volontarie sono le maschere che donano alla città il loro tempo per portare un momento di spensieratezza e giovialità a chi vive momenti bui e tristi. Volontari sono i giovani carristi che propongono le loro magnifiche realizzazioni di cartapesta e regalano a grandi e piccini due domeniche da favola e divertimento. Il mio grazie va a tutti quelli che ci credono e che permettono ancora di raccontare di una città ai piedi del Monviso dove tra le manifestazioni più importanti troviamo il nostro bel Carnevale”.

La sfilata di domenica a Saluzzo sarà preceduta alle 10, dalla Santa Messa di Carnevale celebrata in Duomo dal vescovo di Saluzzo, Cristiano Bodo. Poi, dalle 14, via alla parata dei 12 carri e gruppi dei paesi che animeranno la festa e che saranno votati dalla giuria durante il passaggio in corso Italia.

Saranno presenti i carri di Nichelino, Piobesi Torinese, Roletto, Luserna San Giovanni, Carmagnola, Racconigi, Centallo/Fossano, Villafalletto, Moretta, Scalenghe (attuale campione in carica), mentre Verzuolo e Saluzzo (Oratorio don Bosco) parteciperanno con il “Carrinfrutta”.

Ad aprire il corteo sarà come sempre la Castellana Silvia Ghione accompagnata dall’inseparabile Ciaferlin Aurelio Seimandi, dalle Damigelle e dai Ciaferlinot. Nel tardo pomeriggio, poi, Castellana, Ciaferlin e maschere si sposteranno presso il Monastero della Stella (piazzetta Trinità, 4) dove sono in programma alcuni incontri e spettacoli dedicati al Carnevale.

“Al termine del mio secondo (e ultimo) mandato come consigliere della Fondazione Amleto Bertoni, mi preparo a salutare il Carnevale, decimo per me – aggiunge Beppe Cavaglieri, consigliere Fab delegato al Carnevale -. In questo decennio di “gran baldoria” abbiamo visto i carri in frutta, il ritorno dei carri di cartapesta e la “metamorfosi digitale” legata al Covid ed infine la rinascita di una manifestazione irrinunciabile per la città. La FAB, insieme agli amici della Pro Loco di Rivoli, anche quest’anno ha accolto la sfida e si propone di portare per le strade una grande edizione”.

Conclude ‘Ciaferlin’ Aurelio Seimandi, al suo settimo e ultimo Carnevale: “Sono stati anni in cui la festa si è accesa anche nei momenti più bui, forse con qualche lacrima, ma sempre con la volontà di stare vicino a chi ne aveva più bisogno. Grazie allora alle ‘mie’ Castellane e in particolare a Silvia Ghione, regina di questo Carnevale, che intraprende con me la nuova avventura. Grazie alle damigelle e ai Ciaferlinot, agli amici delle maschere della Cricca del Carnevale, al sindaco della Città di Saluzzo, alla FAB, alla sua presidente Carlotta Giordano e al suo vulcanico segretario, Romano Boglio. Un messaggio di affetto e gratitudine va ai carristi, che mantengono salda la tradizione dei grandi carri in cartapesta, anche se con sempre maggiori difficoltà. Il Carnevale 2024 sarà una grande festa di piazza, di quelle che appartengono a tutti, bambini, adulti e anziani. Non vedo l’ora di stringere le mani, donare caramelle e condividere sorrisi”.

Archivio notizie
Luglio 2024
L M M G V S D
1234567
891011121314
15161718192021
22232425262728
293031