pietra-tec bagnolo

PietraTec a maggio “una fiera per tutti”

Da venerdì 24 a domenica 26 maggio

PietraTec a maggio “una fiera per tutti”
Pubblicato:

«Perché organizzare un evento incentrato sulla Pietra di Luserna?». Sono partiti da questo quesito gli organizzatori della prossima rinnovata Fiera della Pietra di Bagnolo in programma da venerdì 24 a domenica 26 maggio.

Un'occasione per promuovere e valorizzare l' “oro grigio” delle nostre valli: impieghi, utilizzi, ma anche storia.

«Il principale obiettivo di Pietra Tec - spiegano dalla Pro loco, che cura la regia di tutta l’iniziativa - è quello di promuovere il pregio di questo materiale eterno raccontando quelle che sono le sue caratteristiche uniche, aumentarne la conoscenza e offrire approfondimenti per gli impieghi, dai tradizionali ai più contemporanei passando per il design».

«Altro aspetto fondamentale è far sì che l’evento rappresenti un’occasione culturale per il pubblico e le nuove generazioni, esplorando tutte le fasi di un mestiere antico e affascinante, frutto di maestria e tradizione, che oggi si affianca alle più moderne tecnologie. Un’occasione per infondere anche tra i giovani la passione per il materiale e la conoscenza dei processi di estrazione e lavorazione».

Il settore estrattivo della Pietra di Luserna nel territorio di Luserna, Rorà e Bagnolo rivela cifre significative e un impatto rilevante sull'economia locale. Secondo le stime fornite dai rappresentanti del settore, l'attività di estrazione annuale raggiunge approssimativamente il milione di metri cubi di pietra.

Anche i numeri relativi alle persone impiegate sono importanti, spiega Gianluca Odetto, presidente regionale del gruppo lapideo di Confartigianato Piemonte: «Le attività estrattive coinvolgono direttamente circa 250 lavoratori in cava, con un totale di oltre 1500 dipendenti considerando anche le strutture di stoccaggio e lavorazione della pietra. Nel settore operano circa 50 aziende, di cui una ventina riveste una rilevanza maggiore per fatturato e numero di dipendenti».

Il 20% della pietra estratta lascia l'Italia per essere impiegata in progetti di rilievo internazionale. Tuttavia, sono numerosi gli esempi nelle vicinanze, tra cui i palazzi reali, la cupola della Mole Antonelliana, i portici di via Po, il Sagrato della Gran Madre e i tetti degli edifici di piazza Vittorio Veneto.

Info: www.pietratec.it.

Questo e molto altro sulla Gazzetta in edicola e in digitale

Archivio notizie
Luglio 2024
L M M G V S D
1234567
891011121314
15161718192021
22232425262728
293031