«Combattere la violenza e ogni discriminazione»

«Combattere la violenza e ogni discriminazione»
Pubblicato:
Aggiornato:

Viene chiamata “Festa della donna”, un termine che sottolinea più un appuntamento commerciale ma che sminuisce la vera portata di questo appuntamento annuale che si svolge da inizio ‘900.

Altrettanto considerevole è il suo valore simbolico con il quale si intende evidenziare l’importanza della donna che non ha ancora acquisito tutti i diritti che le competono.

«In questa giornata è importante evidenziare che la contrattazione di genere è lo strumento migliore per rafforzare e rendere più incisiva la lotta per i diritti delle donne - afferma il segretario generale Cisl Cuneo, Enrico Solavagione -; allo stesso tempo è necessario condannare, senza se e senza ma, quella barbarie che rappresenta una certa sottocultura in base alla quale la donna deve avere meno diritti dell’uomo. Nessuna tolleranza per chi le sfrutta - conclude Solavagione -. Il fenomeno infame della tratta delle donne deve essere sradicato colpendo duramente chi controlla il traffico di tante povere ragazze costrette a prostituirsi dai loro aguzzini».

Per quanto riguarda i diritti delle donne interviene Tiziana Mascarello, componente della segreteria Cisl Cuneo. «Nella Cisl cuneese è presente il coordinamento donne che promuove politiche di pari opportunità attraverso la contrattazione sociale e territoriale nell’ambito del lavoro, la tutela della maternità, i congedi parentali, gli orari di cura, conciliazione lavoro e famiglia. Il coordinamento punta da sempre a prevenire e contrastare ogni forma di discriminazione da quelle fisiche a quelle etniche - prosegue Mascarello - in particolare combatte la violenza di genere nella società e nel lavoro. Per far tutto ciò abbiamo bisogno di una partecipazione femminile sempre maggiore alla vita sindacale, sociale e politica a livello locale e nazionale».

Archivio notizie
Luglio 2024
L M M G V S D
1234567
891011121314
15161718192021
22232425262728
293031